Focus sul mercato M&A: situazione italiana e opportunità

Focus sul mercato M&A: situazione italiana e opportunità

Home / News / Focus sul mercato M&A: situazione italiana e opportunità

Il mercato dell’M&A (Merger and Acquisition, cioè fusione ed acquisizione) ovvero il mercato in cui si “compravendono” le aziende, ha registrato in Italia negli ultimi anni un trend positivo dopo anni di performance negativa nel periodo 2008-2013 (nonostante una leggera contrazione nel 2017).

Il volume complessivo di 43 miliardi registrato nel 2017 è sicuramente un buon dato, ma ancora lontano dalla media di circa 120 miliardi del triennio 2005-2007.

Cerchiamo, in prima istanza, di inquadrare il fenomeno sia a livello globale sia con riferimento all’economia italiana:

  • il rapporto tra PIL mondiale e volume di operazioni di M&A nel 2017 è circa il 4%, con un dato in Italia di circa il 2,6%;
  • in Italia questo settore ha ancora margini di crescita, soprattutto se confrontato con i principali mercati europei. Nel periodo 2000 / 2017, la Gran Bretagna, paese con la più alta incidenza di operazioni di fusione & acquisizione sul PIL registra il 16%, la Francia circa l’8%, la Spagna il 7%, la Germania il 5% e l’Italia il 4%.

Riportiamo alcuni dati del mercato nazionale nel 2017:

Transazioni:

circa 800 transazioni per circa 43 miliardi

2016 vs. 2017:

numero di transazioni in linea con il 2016 ma una riduzione dei volumi (58 miliardi nel 2016)

Italia vs. mondo:

31% Italia su Italia, 22% Italia su estero, 47% estero su Italia

Grandi transazioni:

7 operazioni superiori a 1 miliardo

Quotazioni:

numero in crescita, 32 collocamenti rispetto ai 16 del 2016

Con riferimento al numero di operazioni, il 2017 ha fatto registrare:

  • 387 transazioni Italia-su-Italia e una riduzione del controvalore, passata di 26 miliardi del 2016 ai 13 del 2017
  • le operazioni estero-su-Italia sono aumentate in termini di numero, da 261 a 264, e rimaste stabili per controvalore, 20 miliardi
  • le transazioni Italia-su-estero sono diminuite sia in termini di numero, da 165 a 153, sia in controvalore, da 12 a 9,3 miliardi

Analizzando le operazioni estero-su-Italia, considerando il periodo 2009-2017, la nazionalità delle imprese acquirenti vede al primo posto gli Stati Uniti d’America e al secondo posto la Francia e l’ingresso di paesi come la Russia e la Cina, con la Gran Bretagna che, rispetto al periodo precedente, scende dal terzo al quarto posto.

PROSPETTIVE M&A IN ITALIA

Per quanto riguarda i settori industriali, sempre con riferimento al 2017, il comparto che ha registrato il maggior numero di investimenti è stato quello dei Financial Services (35% del totale). In questo segmento, spiccano le operazioni Amundi – Pioneer e Anima – Aletti Gestielle. Al secondo posto si è consolidato quello Industriale (18%), mentre al terzo posto troviamo quello delle Infrastrutture & Servizi di Supporto (17%).

Guardando al 2018, l’apertura dell’anno è stata molto positiva, con circa 10 miliardi di operazioni chiuse nel corso del primo trimestre; le aspettativea fine anno sono per un ammontare complessivo di circa 70 miliardi. Inoltre, si osserva un forte interesse degli investitori internazionali per le infrastrutture, sia fisiche sia tecnologiche, a conferma che, almeno per il momento ed in attesa che si abbia un quadro politico più chiaro, la view sul Paese rimane positiva.

Un tema di grande rilevanza su cui gli imprenditori sono chiamati a riflettere è la cosiddetta “convergenza tra settori industriali”: si pensi al comparto delle costruzioni e l’energia, il retail e il settore tecnologico, la salute e life sciences. Se in prima istanza questa tendenza di mercato crea preoccupazione, un’analisi accurata e “creativa” può certamente offrire interessanti opportunità di sviluppo.

Ovviamente, le aspettative positive dovranno essere poi confermati dai fatti che saranno condizionati:

  • dall’evoluzione del quadro macroeconomico globale
  • dall’andamento dei tassi d’interessi
  • dalla volatilità dei mercati
  • dai prezzi attesi di coloro che vogliono vendere

Certamente, alcuni megatrends porteranno importanti mutazioni in alcuni settori industriali per cui è necessari essere preparati per garantire il successo delle imprese.

Per le PMI, la tendenza a sviluppare nuovi prodotti a supporto della crescita dovrebbe continuare. Il successo dei PIR che hanno ormai raggiunto circa 11 miliardi rispetto all’aspettativa del Governo per il primo anno di circa 2/2,5 miliardi, dovrebbe favorire la patrimonializzazione di queste aziende e favorirne la crescita. Le PMI potranno inoltre beneficiare del fatto che gli investitori, domestici ed internazionali, hanno iniziato ad analizzare opportunità di investimenti fuori dai settori “tradizionali”, cioè fashion e food.

Il ricorso a professionisti che supportino l’imprenditore nel “cambiamento” e lo aiutino a valorizzare la propria azienda e ricercare opportunità di mercato diventa un tema sempre più rilevante.

Fabrizio Bonelli


Clicca qui per scaricare articolo in pdf.


Fonti: KPMG, Fineurop Soditic, IMF, Reuters, ECB, BoI

Chiamaci al numero verde

800 94 25 52

o compila il form sottostante, e i dati della tua azienda, per ottenere in poche ore un' analisi di fattibiltà della tua richiesta di finanziamento.

Ti contatterà un nostro tutor per accompagnarti.


Informazioni preliminari