Frim Cooperazione: opportunità di finanziamento per le cooperative lombarde

Frim Cooperazione: opportunità di finanziamento per le cooperative lombarde

Home / News / Frim Cooperazione: opportunità di finanziamento per le cooperative lombarde

Si tratta di un’iniziativa finalizzata a sostenere e sviluppare gli investimenti delle imprese cooperative, delle cooperative sociali e dei loro consorzi aventi sede in Lombardia e rientranti nella tipologia di PMI, mediante la concessione di finanziamenti alle cooperative a tasso agevolato a fronte di investimenti strumentali all’attività.

Il bando finanzia progetti di investimento per lo sviluppo dell’azienda basati su: “programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo, tecnologico, commerciale, ambientale per la sicurezza dell’ambiente di lavoro e per l’inserimento di persone svantaggiante”.

Modalita', tassi, durata del Frim cooperazione

L’agevolazione può essere concessa sotto forma di finanziamento a medio termine o locazione finanziaria. L’intervento consiste in un co-finanziamento/leasing con risorse del fondo di rotazione imprenditoriale regionale (Frim) e risorse di Banche/societàdi leasing convenzionate.

La durata del finanziamento è massimo di 7 anni (con massimo 2 di preammortamento), tale durata sale fino a 12 anni per investimenti immobiliari.

L’investimento è agevolabile fino a massimo l’80% dell’investimento ammesso, con una percentuale che può arrivare al 100% in presenza di programmi atti ad acquistare beni strumentali finalizzati all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e programmi di tutela dell’ambiente di lavoro.

La quota del fondo regionale per le cooperative sociali è pari al 70% dell’intervento finanziario complessivo (50% per le altre cooperative), con la restante parte a carico degli istituti di credito convenzionati.

Il tasso di interesse a carico del fondo regionale è pari a 0.10% nominale annuo per finanziamento alle cooperative sociali e 0.5% per le altre cooperative.

  • Per operazioni di finanziamento: la quota sugli intermediari finanziari è invece tasso variabile (Euribor 6 mesi) o fisso (IRS)+ spread massimo 0.9% per le cooperative sociali e i loro consorzi;spread che sale fino a massimo a 1.3% per le altre cooperative.
  • Per locazioni finanziarie: restano invariati i tassi a carico del fondo regionale (0.1% e 0.5%) mentre i valori a carico della società di laesing sono tasso variabile (Euribor 6 mesi) o fisso (IRS)+ spread massimo 1.7% per le cooperative sociali e i loro consorzi;spread che sale fino a massimo a 2 % per le altre cooperative.

Il finanziamento può essere assistito da garanzie reali, bancarie o assicurative, personali dei soci e/o di terzi come ad esempio Consorzi fidi.

Spese ammesse dal bando della regione Lombardia

Le spese, detta prima l’area di intervento prevista dal bando, possono essere relative a :

  • Acquisto di beni strumentali finalizzati all’avvio e/o all’ammodernamento, potenziamento del ciclo produttivo quali attrezzature, macchinari, impianti specifici, arredi, automezzi strumentali.
  • Acquisto, impiantistica generale e ristrutturazione di immobili destinati all’attività. Per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione tale voce di spesa è ammissibile entro i limiti previsti dal bando per l’accesso alle agevolazioni;
  • Acquisto di servizi reali, forniti sulla base di appositi contratti, destinati all’aumento della produttività, al trasferimento di tecnologie progettuali, organizzative e produttive, ricerca di nuovi mercati e sviluppo di sistemi di qualità;
  • Acquisti di brevetti, di licenze di produzione, di software destinato alla produzione/gestione;
  • Spese esterne per la formazione del personale nel limite massimo del 10% del programma di investimento ammissibile;
  • Spese generali nel limite massimo del 5% del programma di investimento ammissibile

Solo per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione sono ammesse tra le spese anche gli oneri di locazione dell’immobile sede dell’attività per un anno.

Trattandosi di programmi di spese, l’acquisto di un singolo bene non costituisce un progetto di investimento ammissibile e quindi finanziabile. Devono essere invece un insieme di costi ammissibili e correlati ad una stessa finalità.

Nel rispetto della normativa comunitaria è previsto anche l’acquisto di attrezzature, macchinari, arredi e beni strumentali usati.

Finanziamento alle cooperative: importo minimo e massimo finanziabile

Il bando prevede chel’importo debba essere compresa tra un minimo di € 25.000 e un massimo di € 1.000.000,00 per programma di investimento.
Tale valore si modifica con importotra € 20.000 e€ 250.000per i soggetti beneficiari costituiti da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione la spesa d’investimento.

Possono godere dell’agevolazione solo gli investimenti iniziati con data successiva alla data di presentazione della domanda e che verranno ultimati entro 12 mesi dalla data di concessione (18 mesi per investimenti di carattere immobiliare).
Il progetto deve iniziare entro 2 mesi dalla data della concessione dell’agevolazione, sono previste proroghe fino a 6 mesi laddove sussistano comprovate motivazioni non imputabili alla cooperativa.

Analogamente a quanto appena scritto, in caso di locazione finanziaria il contratto dovrà esser stipulato con data successiva alla domanda di agevolazione.

Criteri valutazione del Frim cooperazione

I criteri con cui sono valutate le domande sono riportati nella tabella sottostante:


Perché la domanda sia finanziabile la valutazione economico finanziaria deve avere un punteggio almeno di 20 (tale valutazione avviene col metodo del credit score esaminando gli ultimi due bilanci approvati e, se non disponibili, anche su dati previsionali)

Non sono ammissibili all’intervento finanziario i programmi di investimento con punteggio complessivo sotto 60 punti.

Come presentare domanda di finanziamento al bando della regione Lombardia

La domanda va presentata informaticamente seguendo la modalità di accesso presente sul sito https://gefo.servizirl.it(previa registrazione e rilascio dei codici di accesso personali, cioè login/password).

Il richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa alla Regione dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, debitamente bollato ai sensi di legge, entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico (le cooperative sociali sono esenti dal bollo).

In alternativa può completare l’iter per l’invio digitale firmando digitalmente la domanda e assolvendo all’imposta di bollo attraverso i servizi di pagamento on-line.

Tale strumento ormai a disposizione delle cooperative lombarde dal 2010 non è stato utilizzato appieno; pmitutoring ha voluto descriverne gli elementi principali ritenendo utile che le cooperative conoscano e utilizzino forme chepermettono di accedere al credito a tassi vantaggiosi. Laddove hai esigenza di accompagnamento al credito contattaci.

Dario De Benedetti

Articolo in formato pdf.