Il rapporto MCC- Svimez evidenzia quanto siano stati fondamentali i finanziamenti garantiti dal Fondo Centrale e fotografa l'attuale scarsa autonomia finanziaria e patrimonalizzazione delle imprese italiane.

Alcuni numeri sui "finanziamenti Covid"

Al 10 aprile 2021 sono state presentate al Fondo di Garanzia per le PMI ben 1.877.179 domande per un ammontare di 153,5 mld.


Sempre a quella data, sono state accolte 1.860.200 domande per un ammontare pari a 147,7 mld. Le operazioni fino a 30.000 rappresentano una quota del 60,11% in termini di numerosità (1.118.1941 domande) mentre quelle di importo superiore costituiscono l’85,19% in termini di ammontare (125,8 mld).


I quasi 148 mld erogati dalle banche e garantiti MCC rappresentano 8,5 punti percentuali di PIL e, come da tabella sottostante, si evidenzia un utilizzo diffuso (numero domande accolte) su tutto il territorio nazionale con una concentrazione dell'ammontare finanziato nel Nord Italia.



Cluster e scenario del rapporto MCC-Svimez

Il rapporto ha preso come riferimento oltre 200.000 imprese con fatturato di almeno 1 milione e che hanno avuto accesso ai finanziamenti "covid".

Emerge un quadro di autonomia finanziaria ridotta con le fonti esterne (e nello specifico i finanziamenti previsti nei diversi Decreti Legge) che giocano un ruolo fondamentale. Si rileva, inoltre, un elevato livello di indebitamento corrente (rapporto tra passavità a breve e totale delle passività) che mette a rischio, soprattutto per le aziende del Mezzogiorno, il proseguo dell'attività nel medio lungo periodo (si vedano tabelle sottostanti fonte Svimez).


Impatto Covid sulle PMI in assenza di "finanziamenti Covid"

In un quadro che rileva cricità, aver immesso liquidità durante la pandemia ha evitato un pesante deterioramento della posizione finanziaria delle PMI.

L'indagine ha suddiviso le PMI in 5 cluster (in base a reddività, esposizione finanziaria e facilità di accesso al credito) e simulato cosa sarebbe successo in assenza di prestiti garantiti.

Emerge che senza tali prestiti garantiti 67.000 imprese facenti parte delle classi intermedie sarebbero scese di categoria (quindi in un gruppo di maggior rischio) e ben 56.000 PMI sarebbero finite nel gruppo peggiore contenente aziende con criticità strutturali.


In particolare, le aziende con maggiori criticità sono concentrate nel settore del terziario, della meccanica e una parte nel tessile ed abbigliamento (made in Italy).

PMI Tutoring supporta e ha supportato diverse aziende nella richiesta di finanziamenti (anche garantiti). La presenza di un professionista, soprattutto in un momento così particolare, può davvero fare la differenza nel dialogo con gli istituiti di credito

Contattaci

Per richiedere il rapporto clicca qui

Chiamaci al numero verde

800942552

o compila il form sottostante, e i dati della tua azienda, per ottenere in poche ore un' analisi di fattibiltà della tua richiesta di finanziamento.

Ti contatterà un nostro tutor per accompagnarti.

Mettiamoci in contatto
Questo sito utilizza cookie di profilazione, di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto OK oppure proseguendo la navigazione, anche mediante modalità scrolling.
OK LEGGI DI PIù