Quali sono le principali garanzie richieste dal sistema bancario a fronte di una domanda di credito?

Quando un imprenditore richiede nuova finanza, si sente spesso richiedere dalla controparte bancaria una garanzia a supporto della richiesta, così da mitigare il rischio collegato.

PMI Tutoring ti aiuta a fare chiarezza. Il nostro tour prosegue con il Fondo di Garanzia, strumento valido ed efficace di cui approfondiremo gli aspetti salienti.

Prima delle garanzie personali: il Fondo di Garanzia

Prima di ricorrere a garanzie personali è preferibile verificare la possibilità di accedere al Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese.

Tale fondo rilascia garanzie pubbliche, cioè fornite dallo Stato, a fronte di finanziamenti concessi dalle banche alle PMI che hanno dimostrato di avere determinati requisiti che ne attestano la buona capacità di solvibilità.

L’importo massimo garantibile arriva all’80% del finanziamento e a 2,5 milioni di euro (senza un limite al numero di operazioni effettuabili).

La garanzia dello Stato è evidentemente molto gradita al sistema bancario e riduce sensibilmente il rischio collegato all’operazione richiesta.

I requisiti per accedere al Fondo sono stabiliti dal ministero e variano in base al settore di appartenenza.

In estrema sintesi, ci si riferisce al bilancio degli ultimi due esercizi, ed è necessario che:

  • un’eventuale perdita nell’ultimo esercizio sia minore del 5% del fatturato
  • un eventuale calo di fatturato nell’ultimo esercizio non sia maggiore del 40%
  • i mezzi propri siano maggiori del 5% del passivo d’esercizio
  • l’impresa sia economicamente e finanziariamente sana secondo indici di valutazione prestabiliti che tengano conto della capacità di coprire i propri oneri finanziari, della propria indipendenza finanziaria, della propria liquidità (rapporto tra attivo e passivo circolante) e del peso del proprio cash flow rispetto all’attivo aziendale.

Tale garanzia non è gratuita, ma ha un costo modesto che varia dallo 0,25% all’ 1% dell’ammontare garantito.

L’alternativa dei Consorzi di garanzia

Un’alternativa sono i Consorzi di garanzia che, a fronte di una commissione, garantiscono l’operazione nei confronti delle banche fino a una data percentuale del finanziamento.

In sostanza, si ricorre ad un terzo soggetto “privato ed accreditato” che, dopo una valutazione interna, decide se garantire o meno il finanziamento richiesto.

Le banche vedono con favore questo tipo di garanzie, anche se meno rispetto a una garanzia statale, ma possono sicuramente possono favorire il buon esito della trattativa. Lo svantaggio maggiore è, di contro, rappresentato dai maggiori costi da sostenere da parte dell’imprenditore che avrà un onere totale del finanziamento più elevato.

Garanzie: vietate abusarne

In conclusione, possiamo certamente affermare che lo strumento della garanzia è spesso stato utilizzato in modo troppo disinvolto e quasi come se fosse una prassi consolidata nella richiesta di nuova finanza.

Ha invece delle ripercussioni/implicazioni importanti e va dunque percepito come strumento utile a rafforzare domande che presentano già una buona sostenibilità finanziaria. Laddove una domanda non ha infatti tale sostenibilità, l’avvenuta concessione di denaro a fronte di garanzia si rivelerà nel tempo un boomerang per l’imprenditore.

Diventa quindi decisivo analizzare e pianificare ogni investimento e intervento finanziario valutandone l’impatto non solo nell’immediato, ma in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo.

Capire le motivazioni di un diniego o di una richiesta di garanzie a supporto di una domanda è utile per scoprire debolezze sottovalutate o non percepite all’interno della propria impresa e sarà di aiuto all’imprenditore virtuoso per migliorare nel tempo la solidità della propria azienda.

Nella sezione “Come funziona” del portale di PMI Tutoring puoi verificare in pochi minuti le tue opportunità di accesso al credito e scaricare gratuitamente l’utile e-book ricco di spunti di riflessione e consigli pratici per la corretta gestione del rapporto banca-impresa.

Chiamaci al numero verde

800945252

o compila il form sottostante, e i dati della tua azienda, per ottenere in poche ore un' analisi di fattibiltà della tua richiesta di finanziamento.

Ti contatterà un nostro tutor per accompagnarti.

Mettiamoci in contatto
Questo sito utilizza cookie di profilazione, di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto OK oppure proseguendo la navigazione, anche mediante modalità scrolling.
OK LEGGI DI PIù